Cibo ed Emozioni: 20 intuizioni sorprendenti dalla psicologia alimentare

Investiamo il cibo di molti significati, ed è giusto che sia così: ci cambia l’umore, rafforziamo i nostri rapporti quando mangiamo insieme e le nostre scelte alimentari esprimono chi siamo.
Cibo ed Emozioni

Ma il cibo ha anche un lato oscuro. Mangiare non è solo piacere; si tratta anche di una lotta con noi stessi.

Negli ultimi decenni abbiamo imparato una quantità enorme sulla psicologia del cibo. Questi sono 20 risultati sorprendenti.

 

1. Il terribile rapporto dell’America con il cibo

Gli americani hanno un rapporto disfunzionale con il cibo.

Rispetto alla Francia, ai belgi e ai giapponesi, gli americani ottengono meno piacere dal cibo e sono più ossessionati se sia sano o meno ( Rozin et al., 1999 ).

Al contrario, i francesi hanno meno tabù nel gustare il cibo. Forse non è un caso che abbiano anche la metà delle probabilità di essere obesi come gli americani.

Gli americani, quindi: sono più insoddisfatti di ciò che mangiano, sono più preoccupati se esso sia sano, provano a fare più diete e hanno il doppio delle probabilità di essere obesi come i francesi.

Qualcosa è chiaramente andato storto nel rapporto dell’America con il cibo.

2. Non sai quando sei davvero pieno

Tendiamo a pensare che la quantità di cibo che mangiamo sia esclusivamente il risultato della fame che abbiamo. E’ un fattore, ma non è l’unico. Esso è inoltre influenzato dalle dimensioni dei piatti, dal servizio dei cucchiai e così via.

In uno studio memorabile alcuni partecipanti mangiavano da una zuppiera che veniva riempita segretamente da sotto il tavolo ( Wansink et al., 2005 ). Ad altri invece era servita più zuppa nel solito modo. Quelli che hanno mangiato dalla ciotola che si ricaricava magicamente, hanno avuto quasi il doppio di minestra, ma non si sentivano meno affamati o più sazi.

La morale di questa strana storia è che i nostri stomaci forniscono solo i messaggi grezzi su quanto abbiamo mangiato. Al contrario, contiamo anche sulla nostra vista e l’occhio è facilmente ingannevole.

3. Effetto Grasso = Cattivo

Molte persone sono portate a credere che gli alimenti ad alto contenuto di grassi fanno male. Campagne di salute pubbliche, libri e articoli negli anni ’80 hanno promosso questa idea.

Ma non tutti i grassi fanno male. Infatti alcuni sono molto buoni e sono parte necessaria della nostra dieta. Le persone evitano piccoli snack ad alto contenuto di grassi, a favore di grandi snack a basso contenuto non considerando che uno snack a basso contenuto di grassi può avere molte più calorie semplicemente perché è molto più grande.

Poichè la gente pensa che “grasso = male”, alcuni cibi sono ingiustamente categorizzati come non sani, mentre altri alimenti a basso contenuto di grassi vengono visti di buon occhio. Questa convinzione porta le persone a sotto-stimare regolarmente la quantità di calorie presente nei cibi a basso contenuto di grassi e a sopravvalutare le calorie presenti in quelli ad alto contenuto ( Carels et al., 2006 ). La differenza in questo studio era di circa il 35%.

Lo stesso vale per i ristoranti dove quei piatti fatturati come ‘salutari’, sono stimati dai commensali contenere fino al 35% di calorie in meno rispetto a quelle che realmente hanno.

4. Non è mai “solo un pranzo”

Cibo e Mente

Mangiare insieme ha potenti sfumature psicologiche.

Secondo uno studio condotto da Kniffin e Wansink (2012), il pranzo è un impegno serio, soprattutto quando si tratta di un ex-partner. Essi hanno scoperto che rispetto a cose come prendere un caffè o parlare al telefono, quando i partner pranzano con una vecchia fiamma, l’altro partner prova più gelosia.

Il potere simbolico di mangiare con altre persone è forte: non è mai ‘solo un pranzo’.

5. Il gusto affievolisce con l’età

Con l’avanzare dell’età, il nostro senso del gusto si indebolisce. Uno studio ha trovato che la capacità di individuare il sale risulta la più colpita, così come la capacità di rilevare l’umami, oggi considerato uno dei sapori fondamentali, insieme al dolce, acido, salato e amaro ( Mojet et al., 2001 ).

A seconda del gusto esatto, gli anziani potrebbero aver bisogno tra le 2 e le 9 volte di condimento in più come il sale per provare lo stesso gusto. Gli uomini sembrano essere particolarmente colpiti da questa perdita nella capacità del gusto.

La ragione è in parte dovuta al fatto che gli anziani hanno meno papille gustative, ma soprattutto che il senso dell’olfatto indebolisce con l’età. Effettivamente il gusto del cibo dipende molto dal naso, così che quando il naso non funziona tanto bene, ne risente anche la sensazione di gusto.

6. Lo strano sapore delle carote per la prima colazione

Tendiamo a pensare che ci sia qualcosa di intrinseco ad esempio, in una carota, che essa o piace oppure no. Ma un semplice esperimento del pensiero mostra che questo non è vero.

Che cosa succede se si deve mangiare una carota alle sei del mattino? Ha lo stesso sapore se mescolata con altre verdure e carne, e se è mangiata al “solito” momento del giornata?

No.

Il contesto in cui il cibo viene consumato ci riguarda molto di più di quanto si possa immaginare. Ciò include l’ora del giorno, quel che è intorno a noi e dove ci troviamo.

7. Cameriera corpulenta= cliente “grasso”

Ecco un esempio calzante di come il contesto influenza quello che si potrebbe scegliere dal menu in un ristorante. McFerran et al. (2010) hanno osservato come l’effetto del peso corporeo del cameriere possa influenzare ciò che si sceglie.

Essi hanno scoperto che le persone che erano a dieta mangiavano più cibo quando erano incoraggiate a scegliere da una cameriera corpulenta rispetto a quando la cameriera era magra. Potreste aver previsto esattamente il contrario A quanto pare no. Inconsciamente è come dare alle persone che sono a dieta il ‘permesso’ a mangiare di più. In altre parole: se lei può mangiare molto, posso farlo anch’io!

Per inciso, esattamente l’effetto opposto è stato osservato per coloro che non erano a dieta. Hanno finito per mangiare di più quando la cameriera era magra. Questo può essere semplicemente perché le persone magre e attraenti tendono ad essere più convincenti.

8. Amici grassi = grasso sè

Probabilmente è esagerato dire che avere degli amici grassi ci farebbe essere grassi. Christakis et al. (2007 ) hanno trovato che la possibilità delle persone di essere obesi aumentava del 57% se avevano amici obesi.

Le persone sono enormemente influenzate dal comportamento alimentare di coloro che li circondano. Vediamo chiaramente negli studi che le persone mangiano di più quando coloro che li circondano mangiano di più, e meno quando coloro che li circondano mangiano di meno. Le donne sembrano particolarmente sensibili a questo.

Anche quando mangiamo da soli siamo indirettamente influenzati nelle nostre scelte dalla nostra società. Sono quelle che definiamo “norme sociali”. Negli esperimenti dove le norme possono essere manipolate, le persone sono portate a mangiare di meno o di più.

9. Le abitudini sono più forti delle intenzioni alimentari.

Qual è il modo migliore per predire a qualcuno qual è il cibo che mangerà domani? Per farlo, forse basterebbe chiedergli le sue intenzioni, le sue preferenze o che dieta hai appena iniziato?

Non disturbarti. Tutto quello che devi fare è chiedergli cosa ha mangiato ieri. Il modo migliore per predire quello che mangerà domani è quello di esaminare le sue abitudini. Le nostre comuni abitudini tendono a vincere le nostre migliori intenzioni e anche le nostre preferenze dichiarate.

Cambiare le proprie abitudini alimentari è difficile perché tante decisioni sono prese automaticamente, inoltre in risposta alle situazioni di routine noi ci ritroviamo.

10. Mangiare senza esserne coscienti

Cibo e Mente Psicologo Pagani

Il mangiare è talmente abitudinario che facilmente ci distraiamo durante questa esperienza. Mentre le nostre menti vagano, però, le nostre mani afferrano sempre più velocemente.

Gli studi hanno dimostrato che la gente mangia di più quando è distratta, come quando si guarda la TV o si parla con gli amici ( Bolhuis et al., 2013 ). Così quando non si è concentrati su quello che si mangia, si tende a mangiare di più e a goderne di meno.

Un approccio che viene utilizzato per combattere i disturbi alimentari e l’obesità è proprio il mangiare consapevole. Esso consiste nel dare piccoli morsi e prestare maggiore attenzione a ciò che si mangia. In questo modo non solo la gente mangia di meno ma ne gode anche di più.

11. Sopprimere i pensieri sul cibo porta ad abbuffate

Le persone che seguono una dieta e che abitualmente cercano di sopprimere i loro pensieri sul cibo, hanno più probabilità di sentirne il desiderio. ( Barnes & Tantleff-Dunn, 2010 ).

12. Se è sano, se ne può mangiare di più!

Purtroppo questo sembra essere una credenza diffusa, o almeno un certo modo di comportarsi. Negli studi, quando alle persone era dato lo stesso cibo, ma in un caso era etichettato come più sano, esse ne mangiavano di più rispetto a quando era etichettato come cibo malsano. In uno studio di Provencher et al. (2009) , veniva consumato circa il 35% di cibo in più.

E ‘un’altra situazione in cui i cosiddetti “cibi sani” possono essere un male per noi, perché incoraggiano un consumo più alto.

13. Qualcuno vuole salmone affumicato per dessert?

Le etichette alimentari e le aspettative a cui esse rimandano, hanno molti effetti sul modo di vivere il cibo. La maggior parte delle persone ha ormai sentito parlare di studi in cui venivano messe delle etichette di fantasia su bottiglie ordinarie di vino e magicamente gli intervistati dicevano che esso aveva un sapore migliore. E’ lo stesso effetto che si ha quando si racconta che il vino è molto costoso

Ecco però, un effetto più strano. In uno studio i ricercatori si avvicinarono con un nuovo e strano intruglio: salmone affumicato gelato ( Yeomans et al., 2008 ). Ad alcune persone venne detto che era un nuovo tipo di gelato mentre ad un altro gruppo fu riferito che si trattava di una mousse al gelato salato.

Le persone odiavano il cibo quando veniva detto loro che era un tipo di gelato, ma lo trovarono accettabile quando veniva presentato come mousse.

Quindi va bene a mettere etichette di fantasia sulle cose, basta rispettare le giuste aspettative.

14.Etichettalo come pieno di grassi e avrà un sapore migliore

Cosa succede se si prende lo stesso cibo e si offre ad alcune persone dicendo loro che è ‘pieno di grassi’ e ad altri invece che si tratta di un cibo a ‘basso contenuto di grassi’? 

Beh, l’opzione ad “alto contenuto di grassi” avrà un sapore migliore, ma sarà consumata di meno ( Wardle & Solomons, 1994 ). Questo effetto sembra essere più forte per le persone che sono maggiormente preoccupate per l’effetto del cibo che mangiano sulla propria salute ( Westcombe & Wardle, 1997 ).

15. I malumori rendono il cibo cattivo

Cibo e Mente Psicologo Pagani

Il ‘mangiare emotivo’ è l’idea che le emozioni, non solo la fame, influenzino il come e cosa mangiamo. C’è del vero in questo.

Negli esperimenti, generalmente quando le persone sono messe in uno stato di cattivo umore, hanno maggiori probabilità di ricercare snack zuccherati e ricchi di grassi. Anche le emozioni negative fanno sì che le persone preferiscano uno spuntino piuttosto che un pasto adeguato.

Sfortunatamente il buon umore non porta necessariamente a consumare alimenti più sani. Le persone sembrano mangiare di più quando sono di buon umore, ma proprio di tutto, e non solo alimenti specifici.

16. I cibi sani migliorano il nostro stato d’animo

Sappiamo che le persone che mangiano più frutta e verdura sono generalmente più soddisfatti della loro vita e più felici, ma non possiamo essere certi che siano frutta e verdura la causa di ciò.

L’ultima ricerca, tuttavia, suggerisce che mangiare frutta e verdure un giorno, può realmente migliorare il nostro stato d’animo il giorno successivo ( Bianco et al., 2013 ). Questo si basa sull’idea che micronutrienti come i folati che si trovano in frutta e verdura possono aiutare a migliorare la depressione.

Nel loro studio di 21 giorni White et al. (2013) hanno chiesto ai partecipanti di registrare quanta frutta e verdura mangiavano e di fare lo stesso anche per il proprio umore. Questo ha dimostrato che mangiare più frutta e verdura un giorno realmente predice l’umore del giorno successivo. Tuttavia, i partecipanti avevano bisogno di mangiare dalle 7 o alle 8 porzioni perchè l’effetto fosse chiaro. Così spesso le 5 porzioni giornaliere raccomandate potrebbero non essere sufficienti per ottenere la piena spinta per l’umore.

17. Non voglio lo stesso!

Sei mai stato al ristorante in gruppo, aver pensato a cosa mangiare, e poi dopo aver sentito un paio di altre persone ordinare la stessa cosa aver cambiato idea?

Secondo uno studio questa è una tendenza riconoscibile ( Ariely & Levav, 2000 ). Una delle cause è il desiderio di essere individuali e di distinguersi. L’ ordinare qualcosa di diverso sembra esprimere individualità.

Tuttavia in uno studio di Ariely & Levav, le persone apprezzavano le loro seconde scelte meno delle prime. A volte essere diversi per il solo gusto di farlo è una sorta di conformità. 

18. Piccoli cambiamenti battono le diete drastiche.

I tipi di diete estreme richiedono grossi cambiamenti rispetto alle proprie abitudini e risultano difficili da ottenere.

Invece di tutte quelle diete folli, è molto meglio fare dei piccoli cambiamenti che siano sostenibili nel lungo termine. I partecipanti a un recente studio in linea con una sana alimentazione, hanno apportato molti piccoli cambiamenti sostenibili alle loro abitudini e sono riusciti a perdere peso ( Kaipainen et al., 2012 ).

19. La sfida della Pepsi

Così come il pranzo non è mai “solo” il pranzo, anche il cibo non è mai “solo” cibo. Esso può anche rappresentare un’idea e questa può influenzare il modo in cui sperimentiamo il cibo stesso.

Ecco un esempio: Allen et al. (2008) hanno ideato una versione della sfida della Pepsi. A due gruppi di partecipanti, venivano somministrate o una Pepsi cola o la cola di un marchio meno conosciuto.

La pubblicità della Pepsi incoraggia l’idea che la vita dovrebbe essere eccitante e piena di divertimento, mentre l’altro marchio di cola non veicolava alcun messaggio di marketing particolare.

I risultati hanno mostrato che coloro che hanno dichiarato più fortemente che la vita dovrebbe essere piena di emozioni riferivano che la cola che dichiaravano essere la Pepsi fosse più gustosa. Il trucco è che spesso erano solo bevande meno note.

Quindi non è solo il gusto attuale che colpisce le nostre valutazioni, ma le credenze che abbiamo di quel cibo o di quella bevanda.

20. Sto mangiando un’idea e si tratta di un’idea gustosa!

Cibo e Mente

Quali alimenti strani avete mai mangiato? pipistrello o tarantole fritte, un pene di bue o occhi di tonno?

Forse sei stato coinvolto in questo tipo di conversazione. La persone cominciano ad elencare tutti i tipi di cibi esotici che ha assaggiato una volta, cercando di superarsi a vicenda. Cosa significa questo? Secondo una teoria, non ci limitiamo a mangiare cibo, ma consumiamo idee.

“Il consumo concettuale” è il nostro desiderio di barrare le caselle sulle nostre CV esperienziali.

La gente sa, per esempio, che la pancetta gelato avrà un gusto insolito, ma in termini di consumo concettuale lo scambio risulta equo. In questo caso, non è solo una questione di vantarsi. Ciò che piace molto è l’idea stessa di ciascuna di queste cose e noi vogliamo “possedere” l’esperienza.

E’ inoltre per l’immagine di sé stessi. La persone vogliono vedersi, ed essere viste dagli altri, come individui interessanti che scelgono una varietà di esperienze diverse per se.

 

Diego Chiariello

Psicologo clinico e Psicoterapeuta, da anni metto al servizio della mia comunità e di quella virtuale, l’esperienza e la passione per la pratica psicologica del benessere della persona.

More Posts

Follow Me:
Google Plus

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *